Porta Nova, ultimo accesso al centro storico

E’ l’ultimo accesso, costruito in ordine di tempo, al Castello di Corinaldo, realizzato in occasione della addizione rinascimentale (1484-1490).

La porta ed il torrione adiacente furono parzialmente interrati nel 1850 quando venne realizzato il viale di circonvallazione delle mura ed il sottostante “murello”. Dentro il torrione è presente una stanza da tiro con cupola, è possibile salire sopra la torre, attraverso una scaletta posizionata a sinistra dell’apertura principale, per chi entra.

L’arco di accesso venne notevolmente ampliato nei primi anni del novecento per permettere l’accesso al centro ai primi mezzi pubblici.

p-nova-1

i-landroni

I Landroni

Questa via è un corridoio porticato derivato dalla sopra elevazione degli edifici signorili settecenteschi lungo Via del Corso.
Il nome della via deriva dalla parola “androni” che nella dizione popolare incorpora l’articolo trasformandolo in Landroni. Il percorso è alquanto suggestivo.

Torre della Rotonda

La Torre della Rotonda, a pianta semicircolare, fa parte della addizione rinascimentale iniziata nel 1484 e terminata nel 1490.
Affacciandosi dalla terrazza in direzione sud, è visibile l’innesto dei due perimetri murari, facilmente distinguibili dalla curvatura delle mura trecentesche alla regolarità lineare delle mura rinascimentali.
Da una grata al centro della terrazza è visibile una stanza da tiro a cupola.

torre-rotonda

Torre del Calcinaro

In origine essa era a pianta pentagonale e dotata di una consistente scarpa pericolosamente protesa sulla sottostante Via del Fosso.
Fu necessario demolirla e costruirla con l’attuale forma, adeguandola alla vicine torri della “Rotonda” e di “Porta Nuova” alla fine del 1800.

torre-calcinaro-1

Torre del Mangano

Prende nome dalla via omonima e proprio di fronte ad essa, fino al 1940, era posizionato il Mangano, antico strumento utilizzato per soppressare le stoffe.
Scendendo lungo la via si incontra la Guardiola di Mezzogiorno.

guardiola-calcinaro